LONDRA da sola, and last but not least…

da | 9,Mar,2018 | Ti porto con me. Viaggi | 0 commenti

Del mio primo viaggio da sola in una grande città come Londra, non volevo perdermi proprio nulla e vi ho raccontato di tanti posti nei precedenti articoli (Londra, il viaggio più bello della mia vita. Da solaLondra da sola, ancora tanto da scoprire), i tanti aspetti di questa metropoli. Per questo ultimo (ma non è detto, visto che ci voglio tornare) articolo ho messo da parte due luoghi “istituzionali” della città e altri invece più frivoli ma ugualmente caratteristici: i luoghi dello shopping.

Buckingham Palace e il Cambio della Guardia

Tappa obbligatoria di un viaggio a Londra, per me è sicuramente Buckingham Palace con il Cambio della Guardia. L’imponente palazzo che prende il nome dall’omonimo duca è la dimora della famiglia reale dal 1837. Situato alla fine del The Mall, nell’ampio piazzale antistante, si erge il Queen Victoria Memorial, monumento alto circa 25 m. dedicato alla regina Vittoria.

La cerimonia del Cambio della Guardia è una delle più famose al mondo, si svolge all’interno del cancello di Buckingham Palace, ma c’è tutta la parata di Guardie della Regina a piedi e a cavallo, accompagnate dalle bande, che si svolge all’esterno che è ugualmente spettacolare. Per i giorni e gli orari vi consiglio di informarvi poco prima della vostra partenza, in quanto sono variabili in base a stagioni o altre condizioni, se volete osservare ciò che accade all’interno altro consiglio è di arrivare con largo anticipo poiché ci sono sempre molti turisti. Io ci sono stata in agosto e non sono arrivata abbastanza presto quindi avvicinarsi al cancello era impossibile, ma avevo comunque un buon punto di osservazione per godermi la parata, vedere le guardie entrare a palazzo e sentire bene la musica della banda al momento del cambio.

La St. Paul ‘s Cathedral

Altro edificio che non volevo assolutamente perdermi in questo viaggio era la St. Paul ‘s Cathedral. Ben nota, oltre alla sua bellezza, è infatti la straordinaria veduta di Londra che si gode dall’alto della cupola. La Cattedrale, capolavoro di Sir Christopher Wren, è stata teatro di importanti celebrazioni di culto per tanti personaggi storici, fra cui il matrimonio del Principe Carlo con Lady Diana. L’ingresso è a pagamento e vi consiglio di prendere l’audioguida che vi illustrerà i tantissimi tesori artistici che in essa sono contenuti: mosaici, monumenti commemorativi e funerari, nonché tutta la struttura: coro, presbiterio, altare e cappelle.

Per visitare la cupola preparatevi a salire ai suoi 434 gradini. A me piace tanto visitare queste parti di chiese e cattedrali, sono ambienti non comuni e mi soffermo ad osservarne la struttura, l’architettura e infilarmi negli stretti spazi che sono in cima. Quella della St. Paul è molto particolare, è suddivisa in tre step. Al primo livello interno troverete la Whispering Gallery (galleria dei sospiri), detta così perché parlando vicino alla parete le parole risuonano sul lato opposto. Al successivo livello la Stone Gallery (galleria di Pietra), all’esterno una massiccia balaustra in pietra, da qui la prima ampia visione sul panorama della città, ma la più completa è all’ultimo livello. Per arrivarci dovrete salire su gradini in ferro e più ripidi, lo spazio all’esterno non è molto grande ma avrete una vista della città abbastanza completa, purtroppo come vedrete dalle foto però quel giorno il tempo era molto grigio.

Shopping Londinese

Ci sono tantissime strade importanti dove poter fare shopping a Londra, vi ho parlato di Regent e Carnaby Street nel precedente articolo, ma non perdetevi Oxford Street, è una strada molto lunga costeggiata di negozi di tutti i tipi. Oltre alle grandi marche internazionali presenti anche da noi, ricordo Maks&Spencer e poi negozi di souvenir e fast food. Ho passeggiato qui diverse volte anche con le compagne di corso perché non era lontano dalla scuola. Ricordo un episodio carino, una vendita promozionale con una modalità a cui non avevo mai partecipato prima: era una profumeria, le marche erano inglesi, e all’interno il negoziante offriva per soli 10 minuti ben 4 profumi ad un prezzo scontatissimo, ma solo per 10 minuti, ci ha convito e ovviamente li ho comprati.

Se proprio volete sbizzarrirvi e avete voglia di acquistare qualsiasi cosa c’è Harrods! A dire la verità io non è che avessi un grande budget da spendere, anzi, ma la curiosità di vedere questi grandi magazzini ha vinto. E’ un palazzo enorme e fermarsi a tutti i piani mi avrebbe portato via troppo tempo, un’occhiatina veloce a vestiti e gioielli e poi sono passata al piano dedicato al Natale (si, in pieno agosto) c’erano decorazioni di tanti tipi e giocattoli, stupende le case di bambola. Altro piano dove “ho dovuto fermarmi” 😛 è stato il piano della gastronomia, angoli di tutti i generi, dalla pizza alle ostriche, prodotti gastronomici di tutti i tipi. C’è l’imbarazzo della scelta e ti viene voglia di tutto, così sono andata su due classici: ho acquistato cioccolata per tutti e una bella fettona di cheesecake alle fragole per me.

Dulcis in fundo a chiusura di questo viaggio nel passato, Camden town un intero quartiere di mercatini. Qui ho deciso di andarci da sola e di sabato, giorno in cui non avevo scuola, perché io amo i mercatini e volevo avere tutto il tempo e la libertà di girare, guardare, curiosare. Mi sono divertita un mondo, perché è particolarissimo e come diversi luoghi di Londra, ha mille aspetti e sfaccettature, ci potete trovare abiti eccentrici, oggetti vintage, artigianato, souvenir, angoli con cucina tipica di ogni parte del mondo.

E’ composto di divere aree, appena usciti dalla metro dirigetevi verso Camden High Street e subito noterete una serie di negozi che all’esterno hanno caratterizzato l’edificio in cui hanno sede con decorazioni eccentriche ed originali. Una parte di Camden si sviluppa attorno al canale Regent con stand lungo la riva, e dove si può sostare per fare uno spuntino accomodandosi sui sedili di vespe. Un’altra zona è lo Stable Market, un ambiente che alterna luoghi chiusi e aperti, ci sono diverse statue di cavalli, legato ad un uso diverso degli ambienti in passato, e gli spazi di vendita e i negozi sono numerosissimi. Lascio ora spazio alle immagini anche se sono passati diversi anni, mi farebbe piacere tornarci perché ne ho proprio un bel ricordo, quando ho fatto la mia passeggiata li non ho programmato un itinerario, mi sono lasciata stupire ad ogni angolo, ed è quello che consiglio di fare per godere di questo posto.

Posso dire che in due settimana, alternando i corsi di inglese, ho visto davvero tanto e Londra, su cui non vi nascondo, ero scettica mi ha piacevolmente stupita e travolta e se posso ci ritorno volentieri. E voi ci siete stati? Ci ritornereste? Ci sono posti che volete suggerirmi se dovessi tornarci? Aspetto i vostri commenti.