Vieste: perfetta vacanza al mare sul Gargano

da | 4,Lug,2020 | Ti porto con me. Viaggi | 0 commenti

vieste

Io e Fabio abbiamo scelto Vieste per passare la nostra unica settimana di vacanza al mare del 2018. Cercavamo mare azzurro e spiaggia sabbiosa, strutture accanto al mare, un centro vivo di sera e un viaggio che dalla Campania non fosse troppo lungo poiché ero in dolce attesa e aimè mi stancavo subito. Tutto questo l’abbiamo trovato in Puglia, proprio a Vieste, una località del Gargano che ci ha permesso di rilassarci, mangiare bene e passare delle splendide serate.

Abbiamo scelto un bed & breakfast con pochi appartamenti, essenziale, ma con discesa diretta sulla spiaggia, molto comoda per il mio pancione di sei mesi, la nostra camera era al piano terra con cortiletto in modo da poter tornare a riposare nelle ore più calde. Eravamo sulla spiaggia di Scialmarino, distante qualche chilometro dal centro, una lunga baia dove si trovano lidi attrezzati e liberi, qualche ristorante e un trabucco.

Spiagge, Trabucchi e Torri Costiere

Ma se non volete fermarvi su un’unica spiaggia, sono molto belle quelle di Pizzomunno e quella della Baia di San Felice che noi però abbiamo ammirato solo dall’alto. Abbiamo incontrato la prima al nostro arrivo: Pizzomunno è un alto monolite di roccia calcarea al quale sono legate diverse leggende e che rende caratteristico il paesaggio. Altro splendido paesaggio è la baia di San Felice, con il suo arco naturale in pietra, situato a sud di Vieste e che abbiamo osservato dalla Torre San Felice, una delle torri costiere, punto panoramico in cui si fermano numerosi turisti.

Su alcuni alti tratti rocciosi della costa, si vedono delle costruzioni in legno che somigliano a torrette, sono i Trabucchi, dei veri e propri vecchi strumenti da pesca, posti su pali con terrazze dai quali sporgono sul mare lunghe aste sulla quale sono poste le reti. Oggi sono tutelati dal Parco Nazionale del Gargano, noi abbiamo visitato quello della spiaggia di Scialmarino, ci si arriva a piedi e vi consiglio di andarci all’ora del tramonto: è particolarmente piacevole.  Sempre lungo la costa si vedono le Torri Costiere, massicce torri quadrangolari cinquecentesche poste a difesa del territorio da incursioni saracene.

Vieste di sera: Punta San Francesco e il centro storico

La sera raggiungevamo il centro di Vieste con l’auto, ci sono ampie zone parcheggio a pagamento, ma vi consiglio comunque di non arrivare troppo tardi per trovare posto più facilmente. Passeggiavamo lungo la strada che fiancheggia il porto fino al corso Fazzini, ampio corso pedonale con negozi e ristoranti, da qui si può proseguire fino a Punta San Francesco o per Vieste Vecchia il centro storico. Questa parte della città è posta su un roccione a picco sul mare, sulla punta estrema si trova la chiesa e monastero di San Francesco, la strada per arrivarci è lastricata in pietra bianca ed è fiancheggiata da un lato da localini e bruschetterie e dall’altro dai loro tavoli sul mare. In lontananza nella baia, l’isolotto di Sant’Eufemia con il faro. È un posto di cui mi sono innamorata a prima vista e ci siamo fermati a gustare le tipiche bruschette più di una sera, c’è una bella atmosfera con il suono rilassante della risacca del mare. Certo potreste dover attendere un po’ per trovare posto, ma nulla di insostenibile a mio parere.

Vieste vecchia invece è la parte medievale della città, un intreccio di stradine, scalette e piazzette molto caratteristiche con case con ballatoi e unite in alcuni punti da archi. Qui ci sono botteghe artigiane, negozi di souvenir, bar aperti fino a tardi.

Ci sono stata una sola volta in realtà, perché col pancione l’ho trovato difficoltoso (ma è un fatto soggettivo) pur fermandomi qua e là a riposare su gradini e muretti e siamo arrivati fino alla Chianca Amara, una pietra monumento posta nel luogo dove avvenne una purtroppo famosa strage ad opera delle schiere di un pirata turco nel 1554. Proprio lì accanto, qualcosa di molto più dolce, l’omonima cornetteria che sforna grossi cornetti e code d’aragosta alla panna e crema chantilly, non ve la perdete.

A poca distanza la Cattedrale di Santa Maria Assunta dell’XI secolo, in stile romanico pugliese, accanto spicca il bel campanile barocco.

Peschici e il Monte Sant’Angelo

Altra passeggiata serale che vi consiglio è la vicina Peschici. È possibile parcheggiare appena fuori dalla cittadina e visitarla tranquillamente a piedi.  Girare per il centro fatto di viuzze in pietra e case bianche, negozi e ristorantini è molto gradevole. Abbiamo cenato all’aperto in una piazzetta fra i vicoletti, in più abbiamo assaggiato in pasticceria il dolce del luogo, le cartellate, farcite al momento con miele e frutta secca, erano squisite.

Lontano dal centro, ma non lontano dalla spiaggia di Scialmarino, un posto che vi suggerisco per una serata a base di carne alla brace è la Braceria Cariglia, potrete scegliere direttamente dal banco della macelleria tagli e tipi di carne che vorrete mangiare e gustarli al vostro tavolo nell’ampio locale semi aperto accanto. Qui hanno anche il caciocavallo podolico tipico prodotto locale.

Unica escursione che abbiamo fatto durante questa settimana di riposo e relax è stata in un pomeriggio dal tempo incerto a Monte Sant’Angelo, un piccolo borgo a 800 metri di quota dove si trova il Santuario di San Michele. È raggiungibile in poco più di un’ora di macchina da Vieste attraversando la Foresta Umbra, cuore verde del Parco Nazionale del Gargano. Dall’alto di questo monte si gode di un’ampia vista sulla costa.

Il Santuario di San Michele si compone di due livelli, quello superiore con il bel portale romanico affiancato da un massiccio campanile ottagonale, e quello inferiore al quale si giunge attraverso una scalinata angioina, dove si trova la grotta di San Michele. Qui non si potevano fare foto, ma il sito è molto suggestivo. Sia per gli orari di visita che per le funzioni religiose potete trovare qui tutte le informazioni.

È stata la mia prima vacanza sul Gargano e paesaggisticamente mi è molto piaciuto, solitamente i miei viaggi con Fabio sono più dinamici anche quando siamo al mare, ma date le circostanze io sono stata felicissima di aver trovato una località di mare come Vieste che mi abbia permesso di dosare secondo le mie esigenze momenti di relax e di svago. Voi la conoscete? Siete mai stati in vacanza in questa zona? Vi è piaciuta? Per me è stata una settimana del mio tempo migliore, ancora più emozionante perché portavo già con me il mio bambino.