“Frammenti geniali” il virtual tour dell’Associazione culturale Nartea

da | 21,Mag,2020 | Cultura e bellezza dalla rete | 0 commenti

La scorsa domenica pomeriggio ho assistito al primo Virtual Tour organizzato dall’Associazione culturale Nartea dal titolo “Frammenti Geniali“. Questa visita virtuale, che normalmente viene realizzata fra le strade della città di Napoli, è un percorso fra i luoghi simbolo che sono descritti nel primo libro della famosa saga “L’amica geniale” della scrittrice Elena Ferrante, di cui recentemente sono state anche prodotte due serie televisive di grande successo.

Come molti operatori del settore turistico e culturale, l’Associazione Nartea si è avvalsa di mezzi tecnologici e della rete internet per offrirci anche in questo delicato periodo, momenti di cultura e bellezza.

Il tour si è svolto in diretta attraverso una piattaforma di condivisione, con l’aiuto di Google Heart alternato a immagini storiche di Napoli e con la guida Matteo Borriello, che ci ha condotto nei posti che via via vengono descritti nel libro. Inoltre i brani più salienti del testo, in cui si citano i suddetti posti e le sensazioni delle protagoniste, sono stati letti dall’attore Andrea Fiorillo, favorendo così l’atmosfera giusta per immergerci in questa esperienza pur rimanendo a casa.

Il racconto della nostra guida segue quindi le tappe degli scenari che fanno da sfondo alla storia, si parte dal quartiere dove le due protagoniste abitano e crescono e proprio quel quartiere ne influenza fortemente la vita. È una vera cittadella all’interno di una città più grande che è Napoli e che Lila ed Elena scopriranno solo una volta diventate ragazze, seguono gli anni degli studi di Elena alle superiori, fino alla frattura del legame di quest’ultima con la vita del quartiere.

L’itinerario di Nartea è un sapiente alternarsi di immagini evocative tratte dal racconto della Ferrante ed immagini della città di Napoli durante i primi anni del Novecento, condito di aneddoti e storie sulle origini di alcuni nomi delle strade e su come si configurava la città nel passato. Mi ha lasciato la piacevole sensazione di aver scoperto e imparato qualcosa di nuovo su Napoli e di aver arricchito il mio bagaglio culturale. Ecco perché ho deciso di scrivere questo articolo che inaugura una nuova sezione del sito che si chiama appunto “Cultura e bellezza dalla rete”.

Ho conosciuto l’Associazione culturale Nartea tanti anni fa durante una visita teatralizzata e da allora li seguo attraverso il sito e i social poiché organizza proprio i tipi di eventi culturali che piacciono a me: quelli che uniscono arte, storia, musica e teatro, ma da allora non sono più riuscita a parteciparvi essendomi trasferita vicino Roma. Ho approfittato perciò di questa proposta virtuale, poiché uno dei vantaggi della rete è che abbatte le barriere fisiche e si può partecipare da ogni parte d’Italia.

Com’è scritto sul loro sito “NarteA è un’associazione culturale costituita da un gruppo di giovani uniti dalla passione per l’arte in tutte le sue forme ed espressioni.” Opera per la promozione e valorizzazione del patrimonio storico e artistico della città di Napoli e sono tante e le loro proposte di visita-spettacolo ambientate in importanti siti storici napoletani.

Spero di riuscire presto a partecipare di persona ai loro prossimi tour, ma intanto vi suggerisco di non perdervi il prossimo appuntamento online sempre ispirato all’Amica Geniale ma questa volta ad Ischia che fa da sfondo al secondo libro “Storia del nuovo cognome”.

Cosa ne pensate dei virtual tour? Avete mai partecipato? Potrebbero essere un momento del vostro Tempo Migliore.